Diario di Bordo

L’obbiettivo è semplice: ascoltare il proprio corpo per sanare e ricuperare la tua vita

Buon Anno 2021

Sono arrivata al 31 dicembre con fatica, schivando a zig-zag la possibilità di essere contagiata dal Covid-19 e per ora, direi, l’ho scampata. E’ il momento di tirare le somme con tutto ciò che mi è successo durante il 2020, poco rispetto ad altri anni ma non meno importanti.
A fine settembre scorso, dopo aver fatto due tamponi per rassicurare il personale medico, sono stata ricoverata all’istituto Maugeri di Milano per fare un aggiornamento del quadro clinico di ipertensione arteriosa polmonare. Sono stata sottoposta a rivalutazione del mio stato clinico, ed è stato ripetuto il cateterismo cardiaco destro, la prova da sforzo cardiorespiratoria, l’eco-cardiogramma e i soliti esami ematochimici. Questa volta ho avuto una insolita e strabiliante sorpresa: gli esami hanno mostrato grossi miglioramenti rispetto al precedente cateterismo di tre anni fa, che era già ottimo per via del cambiamento farmacologico di mesi prima. Sono ulteriormente migliorata, una notizia fantastica, la più bella del 2020! Io sono la prova che il corpo umano può ristabilirsi nonostante la nefasta malattia. Non importa in quanto tempo il corpo e la mente lo faccia, quante alte maree vi tocca vivere e quante altre tempeste. Non importa il quanto improbabile possa sembrare un miglioramento, basta mettersi nelle condizioni di poter stare lentamente e effettivamente bene. Anche in questa malattia rara, degenerativa e mortale come l’ipertensione arteriosa polmonare!
Il mio augurio per tutti voi è che nel 2021 riusciate a far retrocedere il corso di qualunque malattia di cui soffrite e di riconquistare il vostro meritato stato di salute! Che il nuovo anno e quelli a seguire siano per tutti degli anni da ricordare con gioia!

Ansietà e depressione in ipertensione arteriosa polmonare

Voglio presentare un articolo scientifico scritto dal dottore Bussotti e dalla dotteressa Sommaruga dell’Istituto Clinico Scientifico Maugeri di Milano, che tratta un argomento molto interessante: l’impatto che l’ansietà e depressione hanno in pazienti che soffrono di ipertensione polmonare e quali sono i metodi da loro proposti per introdurre un’intervento psicologico assiduo nei pazienti.
L’articolo è in inglese.
Buona lettura!

anxiety-and-depression-in-patients-with-pulmonary-hypertension

A mio padre

Fare questo sogno che racconterò in seguito, è stato il preambulo di quello che mi è successo un anno più tardi: compiere l’enorme lavoro di cui tratta questo sito è, per me, come aver fatto una foto in déshabillé e metterla online!
Per la curiosa coincidenza tra le due situazioni, vorrei dedicare questo sito a mio padre scomparso a dicembre del 2017.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

To Top